agosto 1, 2016 News Nessun commento

#VitaDaAgenzia

 Chi meglio di un digital strategist, che passa le giornate chino su PowerPoint, saprebbe darci qualche dritta per realizzare una bella presentazione?

L’altro giorno ho pranzato con Davide, mio amico e digital strategist di una nota agenzia creativa milanese. Sapete chi sia un Digital Strategist e quali siano le sue principali mansioni?
Scopriamolo insieme in questa breve intervista e facciamoci suggerire qualche trucco per una perfetta presentazione ppt!

DI COSA SI OCCUPA UN DIGITAL STRATEGIST?

D: Quando mi domandano “che lavoro fai?” ci sono due tipi di risposte che posso dare.

La prima: mi occupo di creare e sviluppare strategie online e offline per migliorare l’immagine dei clienti che seguo, studiando piani di comunicazione integrata.
La seconda è più semplice: faccio presentazioni PowerPoint tutto il giorno.

Entrambe le risposte sono vere, scegliete voi quella che preferite. Intanto provo a spiegarmi meglio con un esempio: arriva in agenzia il brief di un cliente, mettiamo che sia un marchio di abbigliamento che sta per lanciare sul mercato un nuovo modello di scarpe e vuole farlo conoscere al pubblico per promuoverne l’acquisto. Il mio compito è quello di elaborare una strategia che permetta al brand di raggiungere il suo obiettivo, nel modo più efficace ed efficiente possibile.

Ma non basta: una volta decisa la strategia, tutto sta nel saperla presentare bene al cliente, in modo che venga compresa e approvata. È qui che entrano in gioco una buona presentazione PowerPoint e un bravo relatore!

Questa dinamica è un grande classico della gare tra agenzie per guadagnarsi un nuovo cliente o progetto. Qui gli strategist giocano in prima linea insieme al reparto creativo!

COME FAI A PENSARE STRATEGIE OGNI GIORNO? CREATIVITÀ A COMANDO, O NON SOLO?

creatività

D: Molto del nostro lavoro è effettivamente creatività a comando: il brief arriva quando meno te lo aspetti, hai sempre troppo poco tempo a disposizione per lavorarci su e il budget difficilmente è abbastanza elevato per lanciarti in idee folli, come tendenzialmente ogni strategist sognerebbe di fare.

Eppure tu sei lo strategist e ti serve l’idea del secolo, da trovare subito. Come fare? Non puoi affidarti soltanto alla tua immaginazione e creatività, requisiti comunque essenziali, ma occorre procedere in tre fasi.

La prima è quella che occupa più tempo, ed è la
fase di ricerca: scoprire cosa fanno i competitor, restare aggiornati sulle nuove tecnologie e tool, approfondire le ultime tendenze. Un esempio? Recentemente sono tornate di moda le gif grazie a Facebook: mi sono ritrovato ad inserirle in molti progetti, quando fino a poco tempo fa sarebbero state considerate “superate” e démodé!

Dopo la ricerca, parte la fase creativa: spesso si parte rielaborando e reinterpretando in modo innovativo progetti già esistenti, difficilmente si crea da zero! La creatività si stimola spesso partendo da brainstorming: uno dei punti di forza degli strategist, infatti, è il teamwork, perché è grazie al confronto che vengono fuori le idee migliori!

In ultimo, inizia la fase di stesura del progetto: ebbene sì, entra in scena PowerPoint.

SAPRESTI DARCI, ALLORA, 5 CONSIGLI PER UNA PRESENTAZIONE POWERPOINT PERFETTA?

D: Iniziamo dicendo che non esiste una presentazione PowerPoint perfetta. Esiste la perfetta presentazione per un determinato cliente in un determinato lavoro. Ed ecco qualche consiglio:

Siate fedeli alla brand image: Studiate bene la brand image del vostro cliente e riproducetela fedelmente nella vostra presentazione, senza esagerazioni. Questo significa usare i loghi corretti, i font ufficiali, uno stile consono. Il cliente deve sentirsi “coccolato” visivamente e questo è un ottimo inizio.

Sedetevi di fianco ad un bravo grafico o art director: saranno il vostro braccio armato per fare una presentazione bella e appetibile anche dal punto di vista estetico. Il visual, infatti, pesa almeno il 40% sul successo della vostra presentazione! In ogni caso, è molto importante conoscere i rudimenti dei principali programmi di grafica, primo tra tutti Photoshop.

Scrivete poco e fate vedere molto: Usate immagini, schemi, icone ed infografiche per spiegare i vostri concetti. Fate tanti esempi, cercando di raffigurare il più possibile  le vostre idee: renderete molto più chiara e facile la comprensione del cliente. Ricordate che per lui nulla è scontato e, dunque, più chiari sarete e più avrete successo.

Realizzate uno storytelling: ne sentiamo parlare tanto e un motivo c’è. Se la vostra presentazione invece di essere divisa in scompartimenti stagni diventa parte di una storia che scorre fluida slide per slide, sarà molto più facile tenere l’attenzione degli spettatori e dare continuità e logicità ai vostri passaggi di concetto, oltre che a rendere tutto più interessante ed intrigante.

Chiarezza durante l’esposizione: è il momento clou. Potreste anche aver realizzato la presentazione ppt più bella della storia, ma se non sapete raccontarla al cliente siete spacciati. Il mio consiglio è di parlate chiaramente, senza fretta o agitazione, esponendo i concetti in maniera semplice, quasi elementare, ponendo molte domande per essere sicuri che tutti capiscano.

img2

Questo era il secondo capitolo della rubrica “Vita da Agenzia”: continuate a seguirci per scoprire tanti altri segreti di questo incredibile e divertente mondo!

Written by Sara Brazzola